Macrochef » Blog » ristoranti » Intervista: enoteca e spuntineria L’Arte del Bere e…

Intervista: enoteca e spuntineria L’Arte del Bere e…

L'Arte del Bere copertina

Da quanti anni è aperta l’enoteca “L’Arte del Bere e…”? Raccontaci un po’ la tua storia e quella del tuo locale.

Il locale è aperto dal febbraio del 2011. Sono nata in una famiglia in cui il vino faceva parte della quotidianità. Mio nonno a Pisa nel ’72 è stato uno dei primi imprenditori ad aprire un’enoteca, poi è stato per diversi anni segretario nazionale della Fisar (Federazione Italiana sommelier e albergatori) e nei primi anni del 2000 è stato eletto Presidente. I figli, tra cui anche mio padre, vi hanno sempre lavorato all’interno e quindi il mondo dell’enoteca è una realtà che ho frequentato sin da quando ero molto piccola.

Per l’apertura del locale, siamo partiti veramente da zero, il fondo che abbiamo preso in affitto era un magazzino di moto! Abbiamo iniziato dalla ristrutturazione vera e propria e pian piano abbiamo visto il nostro sogno materializzarsi. E’ un locale molto eclettico: si va dalla somministrazione di alimenti alcuni anche molto particolari come i formaggi artigianali, alle vendita di vino anche biologico, con la possibilità di acquistare altre leccornie come oli, confetture, aceti, pasta al germe di grano, cioccolate e molto altro.

Proponi già un menù vegetariano o vegano ai tuoi clienti?

Sì, il pezzo forte vegetariano proposto da L’Arte del Bere e… è Il piatto Leggero che è composto da verdure miste e insalata, stracchino e caprese.

Come sei venuto a conoscenza di MacroChef e cosa ti è piaciuto dell’iniziativa?

Tramite un’amica. La cosa che mi è piaciuta è l’idea di una rete di locali dove gli utenti possono trovare prodotti sani e nutrienti.

Chi è abituato a mangiare soprattutto proteine animali considera l’alimentazione a base vegetale poco appetitosa. Esiste secondo te un modo per  far cambiare loro idea?

Presentando piatti sfiziosi e appetitosi e cercando di far passare il messaggio che il prodotto vegetale ha tanti degli elementi che si possono trovare nella carne e/o nel pesce, quindi ugualmente nutriente, ma, inoltre, anche più sano.

Tornando alla tua enoteca, quali sono le principali peculiarità che i clienti possono trovare una volta entrati?

Una vasta scelta di prodotti anche a km. 0 e piatti stagionali.

Se dovessi descrivere L’Arte del Bere e… con tre aggettivi, quali sceglieresti?

Cortesia, professionalità, familiarità.

Chiudiamo con un sorriso: siamo nell’era degli slogan “piacioni”. Inventane uno su due piedi per promuovere il tuo locale.

Bevi in compagnia, raddoppi l’allegria.

L'arte del Bere 1 L'Arte del Bere 2 L'Arte del Bere 3 L'Arte del Bere 4 L'Arte del Bere 5 L'Arte del Bere

Pubblicato in ristoranti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Newsletter

Se vuoi essere avvertito sull'aggiornamento dell'elenco ristoranti e sulle fantastiche iniziative MacroChef iscriviti alla newsletter.

Categorie Blog

Iscrivi il tuo Ristorante

Hai un Ristorante? Puoi partecipare alla prossima edizione di MacroChef! Iscriviti gratis subito.

Suggerisci un Ristorante

Vuoi che il tuo ristorante preferito aderisca a MacroChef? Mandaci il tuo suggerimento, pensiamo noi a contattarlo!